Acqua | Basilicata | Petrolio

Basilicata. L'isola che non c'è

diga lago basilicata

La Basilicata ha la più bassa densità di popolazione tra le regioni italiane  dopo la Val d'Aosta , con 61 abitanti/kmq;  610.000 abitanti circa vivono  in 131 comuni con un territorio al 47% montuoso, 45% collinare e solo 8% pianeggiante. 
 
E' bagnata da due mari, il Tirreno, dove sorge Maratea e lo Ionio, con Policoro e Metaponto , ma gli elementi liquidi che ne fanno una realtà unica nel Mezzogiorno d'Italia sono l'acqua e il petrolio, di cui la Basilicata è ricchissima. 


BASILICATA 

le dighe

L'Acqua fonte di vita

L'acqua  è imbrigliata nelle dighe di Monte Cutugno sul fiume Sinni,  Pietra di Pertusillo sul fiume Agri, San Giuliano sul fiume Bradano, Camasta e Serra del Corvo su affluenti dello stesso Bradano.

L'acqua della regione consente non solo di dissetare la Basilicata ma anche e soprattutto la vicina Puglia, che dipende dalla Lucania per la maggior parte del proprio fabbisogno idrico.  

L'oro nero

viggiano
Dal Santuario della Madonna di Viggiano, in Val d'Agri
 
L'altra grande risorsa della Basilicata si trova in Val d'Agri, con il giacimento di petrolio più importante dell'Europa occidentale.

A regime questo giacimento fornisce tra il 6 e il 10% dell'intero fabbisogno nazionale con circa 104.000 barili di olio equivalente al giorno e riserve stimate per 402 milioni di barili di olio e 13 miliardi di metri cubi di gas.