Il pecorino di Moliterno



Moliterno. In fuga dai Saraceni

moliterno pecorino


Lungo la strada del ritorno dall'escursione a Grumentum sarebbe un delitto non fare una sosta a Moliterno: sia per visitare la cittadina sia per acquistare il tipico pecorino canestrato.  

Questo paese, come altri della Val d'Agri, è sorto proprio dalle "ceneri" di Grumentum, perché vi si rifugiarono gli abitanti dell'antica città romana scacciati da bande musulmane alla fine del IX sec. 

Moliterno è sovrastato da un castello medievale, costruito a protezione del territorio dai Longobardi: da questa altura è possibile godere di uno scorcio del lago del Pertusillo, un bacino formatosi dopo la costruzione di una diga alta quasi 100 mt. sul fiume Agri negli anni Sessanta del Novecento, una striscia di blu intenso tra verdi colline. 



Il Pecorino di Moliterno : dove comprarlo


Una delle occasioni da non perdere, però, è assaggiare il formaggio che qui si produce da secoli: lo stesso nome Moliterno si collega al verbo "mungere", a testimonianza dell'antichità della pastorizia e dell'attività casearia.

Possiamo trovare il Casieddu , la ricotta stagionata, ma soprattutto il pecorino canestrato. 

Quest'ultimo si ottiene dal latte di pecore e capre; si chiama così, perché la cagliata viene pressata a mano dentro dei canestri; dopo otto mesi di stagionatura, all'interno di cantine chiamate "fondaci", il risultato è un formaggio giallo scuro a pasta dura dal sapore intenso, che ben si sposa con miele o marmellata d'arance. 

Per acquistarlo, dato che non troverete quasi nessuna pubblicità in paese, dovrete servirvi di un mezzo antico e romantico: chiedere a chi incontrate per strada dove rintracciare qualcuno che lo venda. 

Vi indicheranno probabilmente un portone a cui bussare: la casa di una famiglia che lo produce e, se non vi apriranno, vi daranno anche un numero di telefono, finché qualcuno vi risponderà e vi darà appuntamento nell’azienda agricola in una zona in campagna, dove il pecorino - sia una forma intera sia un pezzo - vi verrà confezionato sottovuoto e dove potrete acquistare altri prodotti lucani. 



IGP - Indicazione Geografica Protetta

canestrato di moliterno pecorino

Fino al 2009 questo formaggio di Moliterno aveva  ricevuto solo l'indicazione generica di Prodotto Agroalimentare Tradizionale, cioè di "prodotto ottenuto con metodi di lavorazione, conservazione e stagionatura consolidati nel tempo, omogenei per tutto il territorio interessato, secondo regole tradizionali", una segnalazione però che non ha tutelato in questi anni la produzione locale dalle contraffazioni. 

Dal 2010 il Canestrato di Moliterno ha ottenuto il marchio IGP: un riconoscimento che porrà autorità locali e produttori di fronte alla possibilità di uscire dall'artigianalità. 

Così, forse, sarà possibile assaggiare il vero pecorino canestrato più facilmente. 


torna alle ESCURSIONI