Parliamone ancora | Maratea Sergio De Nicola



"MARATEA ... PARLIAMONE ANCORA" 

di Sergio De Nicola
Casa Editrice Pellegrini 
Cosenza, 2005  pag. 232 


SORTILEGIO TIRRENO MARATEA

Storie, cronache, curiosità e personaggi della Maratea del '900

Sono momenti di vita vissuta, che nella dinamica della nostra memoria, superato l'oblio, sono gemme di identità storica proiettate verso un maggiore consapevole impegno civile, individuale e collettivo. Solo cosi', l'incanto di questa Maratea, che immagino nelle sembianze di una meravigliosa fanciulla, potrà tendere, in un continuo eterno divenire, le mani verso un sempre nuovo fulgido futuro, dove la magia dell'ambiente diventa concretezza nella coscienza degli uomini.  

s.d.n. 


-Tradizione? Niente è più triste per un popolo quanto l'oblio della propria memoria. Spesso si avverte nell'aria il rumore di questo avvertimento ... ma sempre meno attento è l'orecchio della gente distratta e ormai sorda al richiamo della propria terra, cioè della società e della cultura vivente. ... Non è impossibile coniugare tradizioni e innovazioni.  
Riccardo Michelini  


-Il suo è encomio degli uomini e delle donne - agricoltori, artigiani, commercianti, insegnanti, medici, artisti e poeti - che hanno dato allo sviluppo di Maratea un contributo - economico, sociale, culturale - significativo. Alla fine di una così ricca lettura, rimangono dentro a lungo eco e brusio di un coro di voci, un vento forte di fatti e accadimenti, un calore di incontri...  

Gian Carlo Marchesini 


- Il lavoro di ricerca, di scavo quasi archeologico, la denuncia, l’aver portato alla ribalta fatti e personaggi marginali o illustri, fa di De Nicola un testimone, un cronista attento e partecipe della sua epoca. Alcune delle sue storie, popolari e colte, si possono leggere intorno al fuoco - come una volta - altre si prestano all'analisi socioantropologica, altre ancora sono oggetto di dibattito civile e politico.
Salvatore Lovoi


L'AUTORE

Sergio De Nicola (Napoli 1947- Maratea 2008), Medico chirurgo specializzato in nefrologia. 

Nel 1962, da studente ginnasiale, vinse il primo premio al concorso per le celebrazioni pascoliane in Basilicata tenutosi a Matera. 

I suoi articoli sono apparsi su quotidiani e periodici di espressione pluri-regionale. 

Nel 1999 ha curato la pubblicazione del volume Ricordo di un poeta, raccolta di scritti su Pasquale Epifanio Iannini.